Limite pagamento in contanti 2021: ecco cosa dice la legge

La Legge di Bilancio 2020 ha imposto un limite per il pagamento in contanti di 2.000 Euro, inferiore quindi alla soglia di 3.000 Euro in vigore precedentemente.

Ciò significa che il limite per i contanti è oggi – e per tutto il 2021 – compreso tra i 1.000 e i 1.999,99 Euro mentre i pagamenti dai 2.000 Euro in su dovranno essere eseguiti tramite una delle seguenti modalità:

Scopri tutti i conti

Che cosa è cambiato con la Legge di Bilancio 2020

Con la Legge di Bilancio 2020 il governo ha introdotto delle nuove iniziative, in vigore fino alla fine del 2021, volte a incentivare l’utilizzo di pagamenti elettronici.

Tra queste troviamo:

  • Riduzione della possibilità di pagamenti tramite contante da 3.000 a 2.000 Euro, a partire da luglio 2020, e 1.000 euro dal 1° gennaio 2022.
  • Credito d’imposta del 30% sui costi sostenuti tramite pagamenti elettronici (già previsto dall’art. 22 del D. L. 124/2019).
  • “Lotteria degli scontrini” che permette di vincere fino a 5 milioni di euro (e 1 milione di euro per l’esercente) quando si acquista tramite pagamento elettronico.
  • Cashback e Super-Cashback con una percentuale del 10% per i consumatori con un bonus fino a 3.000% quando si acquista tramite pagamento elettronico (esclusi gli acquisti online).

Come pagare cifre superiori ai 2.000 euro

É sempre consigliabile, a partire dalla cifra di 2.000 Euro in su, adottare delle forme di pagamento rintracciabili come: bonifico bancario, assegno non trasferibile, carta di credito o carta di debito (bancomat).

É tuttavia possibile effettuare pagamenti superiori a 2.000 Euro anche in contanti, mediante la rateizzazione della somma, solo a queste condizioni:

  • ogni singola rata non deve essere superiore a 2.000 Euro;
  • deve esserci un accordo scritto tra le parti;
  • il pagamento deve essere connaturato all’operazione, per esempio in base al procedere delle cure dentarie da un dentista. Un ipotetico pagamento di 4.000 Euro, in questo caso, potrebbe prevedere una prima rata da 1.600 Euro e una seconda e terza rata da 1.200 Euro ciascuna.

L'alternativa al contante

Abbiamo dunque visto come dalla Legge di Bilancio 2020 sia cambiata la normativa sul pagamento in contanti. I conti correnti, però, oggi offrono diversi servizi per pagamenti rintracciabili davvero facili da utilizzare.

II bonifico, per esempio, è uno dei metodi più comuni per effettuare un pagamento sopra i 2.000 Euro e nella maggior parte dei casi lo si può disporre, sia in Italia che all’estero, anche online se si dispone di internet banking.

Banco bpm
Scopri tutti i conti

“Messaggio pubblicitario a finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi e/o alla documentazione contrattuale disponibili sul sito www.bancobpm.it e presso le filiali della Banca. Per l’emissione della carta di debito e della carta di credito la Banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari alla concessione e dei massimali di spesa da assegnare alla stessa.”